cacioricotta di capra
cacioricotta di capra

Il Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è stato istituito nel 1991. L’area naturale protetta è interamente compresa nella provincia di Salerno e corrisponde oggi alla parte meridionale della provincia, compresa tra la Piana del Sele a Nord, la Basilicata a Est e a Sud, e il Mar Tirreno ad Ovest. Dal 1998 il Parco nazionale del Cilento è patrimonio dell’umanità dell’Unesco, con i siti archeologici di Paestum e Velia e la Certosa di Padula.

Tutto il Cilento è una terra meravigliosa fatta di mare cristallino, spiagge e bellissimi paesaggi montuosi.

soppressata-di-gioi-k9nc-u4317053564190639e-620x385cucina-web
Soppressata di Gioi

Oltre ad essere famoso per le sue bellezze naturalistiche, il Cilento è famoso anche per la Dieta mediterranea, che oggi più che mai rappresenta uno stile di vita, oltre che un sistema alimentare, sano e benefico. Il Cilento è dunque terra di prodotti tipici e presidi Slow Food, da cui noi attingiamo spesso.

Come ad esempio facciamo con il cacioricotta di capra, prodotto caseario la cui lavorazione avviene dal latte caprino (perchè il Cilento è anche terra di capre), con una tecnica che si pone a metà strada tra la produzione della ricotta e quella del formaggio.

Fagioli di Controne
Fagioli di Controne
Ceci di Cicerale
Ceci di Cicerale

C’è poi la soppressata di Gioi, si tratta di un salame molto particolare, infatti è l’unico salame campano lardellato. Altri due prodotti cilentani d’eccellenza, che noi amiamo molto sono le olive ammaccate e le alici di menaica, le prime sono olive che vengono schiacciate e immerse in una salamoia con acqua, sale, alloro e finocchietto selvatico e successivamente messe sott’olio e condite con aglio, origano o timo e porre le alici di menaica invece sono alici pescate attraverso un’antichissima tecnica di pesca sviluppatasi in tutto il mar Mediterraneo al tempo degli antichi greci.

Il Cilento è una terra molto fertile ricca di coltivazioni che spesso prendono il nome dai luoghi d’origine. Come le patate di Castelcivita, i fagioli di Controne e i ceci di Cicerale. Per rimanere in tema di legumi sempre da Controne provengono l’orzo, il farro e i peperoni cruschi, mentre da Cicerale anche i particolarissimi ceci neri e le lenticchie di montagna. Infine c’è un prodotto ortofrutticolo DOP da noi molto amato: il fico bianco del Cilento. Si tratta di una qualità di fico molto particolare: è più piccolo del fico comune rosso, molto digeribile e al suo interno è di un colore tendente al bianco.

fico_bianco_cilento_large
Fico bianco del Cilento