PIZZA CILENTANA DI PANE

Era l’anno 2015, quando chiesi alla chef Giovanna Voria “Ambasciatrice Della Dieta Mediterranea” una mano per i miei menù.

Come ogni persona che incontro lungo il mio percorso di studio e lavoro, mi lascio sempre trasportare dal lato emotivo dei prodotti, mi piace scoprire le storie e le leggende che legano quel determinato prodotto ad uno specifico luogo.

Nella pizza Cilentana ho ritrovato il mio nuovo mondo, m’incuriosiva il fatto che ci fosse una differenza tra la pizza classica e questa nuova, a me sconosciuta, perché per la sua realizzazione veniva utilizzato l’impasto del pane.

Incuriosito da questa novità, inizia il mio percorso di studio sul mondo della panificazione, le differenze, le somiglianze e sopratutto l’uso del lievito madre, o anche detto “Criscito”.

FASE 1

100 g Farina di Grano Duro

900 gr Farina tipo “1”

600 ml Acqua

Unire il blocco 1 ed impastare per 4 minuti in 1° velocità.
Fermare la macchina e far riposare per 20 Minuti. “Autolisi”;

FASE 2

200 g Lievito Madre Liquido 

150 ml Acqua 

10 g Miele

Inserire il blocco 2, facendo attenzione ad incorporare l’acqua un pò alla volta;

FASE 3

18 g Sale 

20 g Olio Evo

ultimare l’impasto con il bloco 3, facendo attenzione ad incorporare l’olio in 2/3 fasi;

LIEVITAZIONE

2 ore a temperatura ambiente, dando una piega a 4 dopo la prima ora di riposo, e riponete in frigo per 12 ore;

Dividere in panetti dal peso di 300 gr per ruoti da 26 cm di diametro e lasciar lievitare per 3 ore a temperatura ambiente;

Stendere le pizze, facendo attenzione ad oliare i ruoti e lasciar lievitare per 2 ore;

CONDIMENTO

200 g Pomodoro Pizzutello 

1  Spicchio d’Aglio 

200 g Cacioricotta di Capra Cilentana

Condire le basi pizza con il pomodoro precedentemente cotto, inserire 1 aglio in camicia ed informare a 240° e cuocere per 10 Minuti

Ultimare la pizza con il Cacioricotta di Capra e un filo d’olio evo

Ora aspetto il risultato, mi raccomando fatemi avere le foto. e taggare #pizzacilentana #valentinotafuri #3voglie


Lasciaci un commento

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *